Emilia Romagna,  Impero Romano,  Viaggi

Sul monte fumaiolo con i bambini

In quest’autunno minacciato da una nuova ondata di Covid, abbiamo sentito più forte che mai il desiderio di rifugiarci in natura.

L’autunno è la stagione dei boschi, dove poter annusare l’odore della corteccia bagnata misto ai funghi, e per far cullare i nostri occhi nelle inimitabili tonalità delle foglie cadenti.

Amo profondamente questo momento dell’anno e, in questi giorni complicati, per ben due fine settimana ci hanno accolto con tutto il loro calore le foreste casentinesi! Vi raccontiamo il nostro fine settimana alla scoperta del monte Fumaiolo e dintorni.

Le sorgenti del Tevere

Il monte Fumaiolo si trova nella parte sud dell’Emilia Romagna, al confine con le Marche. Alto 1407 m è uno dei molti più alti dell’appenino Tosco Romagnolo ed è noto perché sulla sua vetta, a circa 1268 m si trova la sorgente del fiume Tevere.

sorgenti del Tevere

Il monte Fumaiolo offre scorci davvero suggestivi e molti sentieri in natura sono adatti anche ai bambini più piccoli. In autunno poi la magia è assicurata, i boschi si infiammano di luce quasi a prendere vita. Da non perdere una passeggiata romantica in una faggeta!

Proprio in un bosco di faggi si trova la sorgente del Tevere, il punto in cui “nasce il fiume sacro ai Romani”. Da piccoli rigagnoli d’acqua che nascono qui, il fiume prosegue la sua strada nella vicina Toscana per poi entrare in Umbria e proseguire verso il Tirreno, in direzione della Città Eterna.

Una curiosità su questa sorgente: una volta si trovava nella regione Toscana, nel 1923 però per volere di Benito Mussolini venne sottratta a Firenze per passare sotto la provincia di Forlì. Al duce premeva poter trasmettere l’dea che il Tevere nasceva nella stessa terra che gli aveva dato i natali, a sottolineare che lui fosse un predestinato condottiere erede dell’Impero Romano. Ancora oggi, qui alle sorgenti del Tevere c’è un obelisco sormontato da un’aquila e adorno della Lupa capitolina, voluto proprio da Mussolini.

Trovo emozionante pensare che il fiume che ha reso grande la città di Roma, nasca qui da un piccolo rivolo d’acqua.

cascate Alferello con i bambini

Le cascate dell’Alferello

Non molto distante dal monte Fumaiolo, un altro imponente monumento della natura aspetta di essere ammirato, stiamo parlando delle cascate dell’Alferello.

Queste cascate si trovano in provincia di Forlì, nel comune di Alfero. Per raggiungerle basta seguire un sentiero nel bosco facilmente percorribile anche con bambini piccoli. Il sentiero è particolarmente suggestivo in autunno, un grande tappeto di foglie accompagna l’escursionista verso questa meraviglia della natura, una cascata alta 32 metri.

Cascate Alferello sentieri per bambini

La cascata dell’alferello è anche chiamata cascata delle trote perché questo pesce si trova in grande quantità fra le sue acque.

MOnte fumaiolo con o bambini

Di questa giornata ricorderò l’odore pungente dell’acqua che cade e che invade tutto intorno a sé, le risate dei miei figli che si arrampicano sulle rocce mentre io penso che non ho scarpe di ricambio, l’immenso tappeto di foglie gialle che pervade cuore e animo e noi, quattro insieme ancora per una volta.

Cosa fare sul monte fumaiolo

Difficile spiegare quanta pace trasmettono questi boschi, e l’effetto sul nostro corpo e sull’animo!

Assolutamente da non perdere nelle vicinanze una visita al lago di Acquapartita e all’Eremo di Camaldoli. In entrambi i boschi è possibile raccogliere le castagne!!

9 commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *