Emilia Romagna,  Gesso,  Musei per bambini,  Scienze,  Viaggi

Esplorare le grotte di Onferno con i bambini

Volete vivere un’avventura davvero emozionante con i bambini nel sottosuolo?  Allora le grotte di Onferno sono il posto giusto!

Le grotte di Onferno si trovano nel cuore della Valconca in provincia di Rimini in

una riserva naturale che nasconde un segreto, qui hanno trovato l’habitat ideale una colonia di circa 8000 pipistrelli di sei specie diverse.

Quella che abbiamo vissuto è stata una bellissima esperienza, a stretto contatto con la natura e soprattutto un viaggio emozionante sotto terra per conoscere da vicino, il mondo dei chirotteri.

Visitare le grotte di onferno con i bambini

Come hanno origine le grotte di Onferno?

Il nome Onferno risale al 1810, prima di questa data la località si chiamava “Castrum Inferi”. Il motivo di questo nome sinistro? Il nome è da attribuirsi alle fumate di vapore che le rocce emanavano nei mesi invernali. Al crepuscolo, il vapore bianco creava un paesaggio surreale che lasciava pensare che proprio lì vi fosse l’accesso a una delle porte degli Inferi.

L’arcano fu spiegato nel 1916 quando lo speleologo bolognese Quarina, visitò per primo la grotta al di sotto della Pieve di Santa Colomba e delle case che la circondavano: le fumate erano semplicemente l’effetto della differenza termica tra l’interno della grotta e l’esterno.


La scoperta fu molto importante anche per un altro motivo, era venuta alla luce una tra le più importanti e suggestive grotte di gesso in Italia!

Grotte in Emilia Romagna

Esplorare le grotte con i bambini

La prima cosa da dire è le grotte sono scavate nel gesso dalle acque di un torrente, che nel corso dei millenni ha eroso lentamente lo sperone di roccia per farsi strada. Il dislivello della grotta è di circa 64 metri e si sviluppa su una lunghezza di 400 m.
Si tratta di un percorso ideale per bambini, ha una durata di circa un’ora e mezza e si svolge con la supervisione di una guida speleologica che racconta curiosità e particolarità geologiche dell’affascinante mondo sotterraneo.

Escursioni in natura con i bambini a Rimini

Prima di partire ci si veste, e il caschetto con torcia è d’obbligo. Inutile parlare dell’emozione che traspare dal volto dei bambini nel momento in cui vedono il caschetto!

Appena entrati si avverte lo sbalzo di temperatura con l’esterno: l’aria è frizzante e pungente (all’interno ci sono 11°e il 98% di umidità). La strada è stretta e i passaggi angusti, si cammina su una passerella che ci guida per tutto il percorso.

Il casco illumina il nostro cammino e ci permette di ammirare la magia di questo luogo. Restiamo senza fiato: anche nelle profondità della terra riusciamo a intravedere forme e colori unici e originali.

Qui nel buio assoluto, muffe e batteri assumono varie tonalità tra l’argento e l’oro. 

Camminiamo tutti in fila indiana e alle volte i bambini ridono di noi perchè facciamo fatica a passare in alcune insenature più strette. Nel nostro cammino tocchiamo le pareti, morbide e lisce, ammorbidite dall’acqua nel corso dei millenni.
Osserviamo le varie formazioni calcaree, le forme e i colori che assumono dopo millenni di erosione. Quanta emozione!

Grotte in provincia di rimini

Le grotte di Onferno e i pipistrelli

Le grotte di Onferno sono molto rinomate anche per un altro motivo, sono state scelte come habitat naturale da circa 8000 esemplari di pipistrelli di specie diverse.

Ci guardiamo intorno nella speranza di poterli vedere, ogni tanto un lampo nero balena davanti ai nostri occhi: i pipistrelli sono silenziosi e furtivi ed’è davvero difficile poterli vedere.

Dove vedere i pipistrelli

Abbiamo però la fortuna di vederne uno da vicino, dorme in un’insenatura non molto distante, a testa in giù, avvolto nelle sue ali.
I bambini non stanno nella pelle, oggi sono davvero tante le emozioni che stanno vivendo. Ancora non è finita.

Il momento più bello sta per arrivare: la guida ci chiede di spegnere le torce dei nostri caschetti. Stiamo fermi. Siamo nel silenzio e nel buio assoluto. I bambini non hanno paura stranamente, sono estasiati in un misto di sentimenti contrastanti.

Intorno a noi i pipistrelli continuano a volare, molto vicino senza mai toccarci. I chirotteri sono dotati di un sofisticato sonar biologico che gli permette di volare nel buio assoluto, evitando tutti gli ostacoli.


La guida ci parla dei pipistrelli e dell’importanza che hanno nel nostro ambiente: in una sola notte possono mangiare fino a 3000 insetti, tra cui zanzare. Sono animali benefici e importanti e oggi sono protetti, perché specie a rischio.

In una delle sale più interne delle grotte di Onferno, i pipistrelli si riproducono. Da molti anni qui si trova una sala parto che ospita ogni anno le nuove generazioni.

Cosa fare con i bambini a Rimini

La visita alle grotte di Onferno è stata molto emozionante, ma anche con un grande valore ecologico per noi e per i bambini. Grazie alla nostra guida abbiamo appreso davvero molto sul gesso e sul mondo dei chirotteri.


Emilia, una guida come poche, che ha saputo catturare l’attenzione di tutti e incuriosire i bambini senza mai annoiarli, ma lasciandoli perennemente con il fiato sospeso.

Visitare il borgo di Onferno
Tramonto dal borgo di Onferno

Una visita che porteremo con noi per molto tempo: i bambini si sono sentiti dei veri speleologi, piccoli esploratori delle profondità della terra. Abbiamo ammirato la potenza erosiva dell’acqua, e camminato in questa magnifica creazione della natura e cosa non da poco, i bambini hanno potuto conoscere i chirotteri nel loro ambinete naturale.

Sono sicura che torneremo ancora, in questa grotta così emozionante!

Escursioni con i bambini in natura autunno

Informazioni pratiche

Le grotte di Onferno fanno parte di una riserva naturale protetta, oltre le grotte è possibile visitare il Museo, il Giardino Botanico e il grazioso borgo adiacente (per il momento sono chiuse a causa delle restrizioni Covid).

In inverno è possibile effettuare l’intera traversata della grotta; solo per pochi mesi infatti è possibile visitare il tratto superiore che non fa parte del percorso turistico, perchè la sala Quarina essendo la  nursery di migliaia di pipistrelli, rimane non percorribile per motivi naturalistici.

Per informazioni sugli orari e le visite guidate potete contattare il numero 389.199.1683, oppure visionare la pagina facebook Grotte di Onferno.

10 commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *