inverno,  montessori,  stagioni

Spiegare l’inverno ai bambini piccoli

Quest’anno mio figlio compie tre anni, e per la prima volta si rende conto in modo pieno dei cambiamenti che avvengono intorno a lui.

Spiegare le stagioni non si può, bisogna viverle, annusarle, sentirle sulla pelle.

Come fatto per l’autunno, quest’anno non abbiamo fatto nulla di speciale, se non camminare all’aria aperta e osservare i cambiamenti che ci sono intorno a noi.
Il freddo pungente sulla pelle, il vapore che produciamo a ogni respiro, i vestiti che ci ingolfano quando vorremmo correre o saltare. Ma anche il tepore di una tisana la sera in famiglia, un buon libro sotto la copertina sul divano o il calore del fuoco di un camino.

Poi la vera sorpresa, la neve: perchè la neve è una meravigliosa magia.

Dovremmo tutti stare con il naso all’insù quando nevica, lasciarci incantare da quei migliaia di fiocchi unici. Noi non lo abbiamo fatto, ancora no per lo meno, perchè abitando in una zona costiera nevica di rado, però come ogni anno aspettiamo e speriamo che sia la volta buona!

Con la neve, tutto diventa magico e surreale. Una fiaba in bianco.

Visto che da neve non viene da noi, allora siamo andati noi in montagna, siamo andati in Carpegna, il monte più vicino a Pesaro e siamo saliti fino all’eremo e lì finalmente abbiamo mostrato l’inverno in tutto il suo splendore al nostro piccolo.

Ad essere sincera devo dire che non gli è piaciuto granchè, il freddo pungente e la scarsa mobilità sulla neve non sono stati affatto di suo gradimento. Così mentre lui ci guardava imbronciato, rigorosamente in braccio, guardava con stupore suo fratello che scivolava giù per le piste innevate, ridendo a crepapelle nonostante le cadute!

Una giornata diversa dal solito, ma sono certa che ora ha capito cosa vuol dire “inverno”, quello vero, tutto bianco.

Piccolo non ha voluto metter piede in terra, neppure per realizzare il tanto amato pupazzo di neve, perchè secondo il suo avviso tutto era troppo freddo!!
Così tornati a casa abbiamo ripreso a giocare con la nostra neve finta e stavolta, il pupazzo lo abbiamo realizzato un pomeriggio tra amici, in una calda stanza della nostra città!
(la ricetta la trovate qui)

Per quanto riguarda la neve, ritenteremo l’anno prossimo e magari chissa il mio Piccolo avrà cambiato idea!

10 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *