Emilia Romagna,  Musei per bambini,  Pace e Guerra,  Viaggi

Il museo della Linea dei Goti a Montegridolfo

La guerra ha da sempre accompagnato la storia dell’uomo, e man mano che la tecnologia avanzava i vari conflitti diventavano più cruenti e mortali. In questi giorni, mentre mi preparavo a trattare l’argomento della seconda guerra mondiale mi sono resa conto di quante atrocità sono accadute e di cui facciamo fatica a parlare ai nostri figli. L’uomo ha commesso azioni talmente crudeli che è difficile anche solo pensarle!

Noi viviamo sulla Linea Gotica ed è proprio qui che, migliaia di giovani di varie nazioni persero la vita in una delle più forti difensive costruite dai tedeschi in Italia. Abbiamo deciso di approfondire proprio questa parte del conflitto al Museo della Linea dei Goti di Montegridolfo.

Spiegare la linea gotica ai bambini. Spiegare la Linea gotica ai ragazzi

La Linea Gotica a Pesaro

A Pesaro e nelle città limitrofe ci sono cimiteri militari e diversi monumenti alla Memoria; ci passiamo distrattamente ogni giorno e troppe poche volte la nostra mente va a quello che rappresentano. Per parlare di quello che è successo abbiamo deciso di visitare un museo che si trova a Montegridolfo e che raccoglie importanti reperti del conflitto della Linea Gotica.

Fu Hitler a dare alla linea di difesa che sorgeva lungo la linea degli appennini, il nome Goten Linie, o Linea dei Goti, detta anche Linea Gotica. Questa linea difensiva fu preparata dai tedeschi nel 1944 per fermare l’avanzata degli Alleati sbarcato da poco in Sicilia. La linea Gotica si distendeva dall’Adriatico, dalla città di Pesaro al Tirreno fino a Marina di Massa e tagliava, con i suoi 320 km in due l’Italia.

La battaglia che ci fu nella Linea Gotica costò la vita a 72.000 soldati e 60.000 i civili: molti morirono per i bombardamenti e, dopo la fine della guerra per la presenza dei campi minati.

Visitare con i bambini il museo della Linea gotica a Montegridolfo.

Il Museo della linea dei Goti si trova nel grazioso borgo di Montegridolfo (RN), ai piedi del castello e ricorda la forma di un bunker. Qui durante la seconda guerra mondiale, sorgeva un punto di avvistamento dal quale controllare tutta la valle del Foglia.

Ad accoglierci al museo è stato il curatore delle attività didattiche, il sig. Tiziano Casoli e lui ha trasformato la nostra visita in un momento molto importante per noi. Il sig. Casoli era solo un bambino, aveva 10 anni quando la linea dei Goti fu scardinata e liberata dagli Alleati. Tutti, bambini e genitori, ascoltiamo in silenzio i suoi ricordi della Seconda Guerra Mondiale. Le luci dei bombardamenti notturni, i genitori preoccupati che mandavano i figli a dormire, bambini che conoscevano bene armi e mine.

Oltre il sig. Casoli siamo stati accompagnati da una guida molto preparata che ha arricchito di particolari storici che non conoscevamo e che ci hanno permesso di fare riflessioni importanti sul valore della pace.

Musei in Italia sulla linea Gotica

Un museo sulla Linea Gotica in provincia di Pesaro

Il museo La Linea dei Goti di Montegridolfo è ricco di oggetti donati da persone che hanno “fatto la guerra”. Tanti ricordi in mostra per voler raccontare la propria esperienza a chi un conflitto non l’ha mai visto. Alle pareti sono esposte stampe di propaganda come manifesti, fogli volanti e cartoline, risalenti al periodo 1943-1945. Sono sia di produzione Italo-tedesca che degli Alleati e sono raggruppate per tematiche.

La propaganda fu una vera arma che ingannò le masse e riuscì a vendere a troppe persone la guerra, come bene assoluto. (Libri per parlare di propaganda ai bambini)

spiegare la propaganda ai bambini

I bambini ascoltavano, e osservavano le immagini che avevano spinto tante persone a credere che la guerra fosse davvero una cosa buona e necessaria. All’interno del museo inoltre c’è la possibilità di poter sfogliare riviste originali dell’epoca. Sono rimasta piacevolmente sorpresa nel vedere i bambini sfogliare, libri e riviste così diverse dalle nostre oggi, con attenzione e curiosità.

In esposizioni è possibile vedere anche una bomba che non lanciava dardi infuocati ma aveva al suo interno 200 volantini per spargere terrore e paura. Quanto potere hanno le parole, alle volte possono uccidere più delle armi!

Seconda guerra mondiale bombe per lanciare volantini di propaganda

Usiamo anche noi le nostre parole per inculcare la pace nel cuore dei nostri figli. Le parole di un genitore premuroso possono essere armi potente per contrastare la violenza che le persone intorno a noi cercano di fomentare.

La pace deve essere una scelta consapevole che noi facciamo. Una presa di posizione a difesa della vita.

Se siete di Pesaro (ma anche se venite da lontano) vi consiglio vivamente di visitare questo museo, per ricordare a noi stessi che la guerra non è sempre qualcosa di lontano, pochi anni fa, una grande guerra è stata combattuta qui, nelle strade in cui camminiamo e nei prati in cui i nostri bambini giocano. Un motivo in più per parlare ai nostri figli delle brutture di un epoca da dimenticare.

raccontare la seconda guerra mondiale ai bambini

Informazioni pratiche

Il museo della Linea dei Goti si trova in provincia di Rimini, a Montegridolfo, un borgo molto carino tutto da scoprire.
Per informazioni sugli orari di apertura, ecco il loro sito ufficiale www.museolineadeigoti.org.
Molto importante è la rievocazione della battaglia che si tiene nel mese di Agosto, la Montegridolfo liberata. Ogni anno per questo evento accorrono numerosi visitatori, che per due giorni potranno vedere uomini in divisa tedesca nei bunker, soldati americane con macchine d’epoca e tanto altro.

Cosa fare a Montegridolfo con i bambini

6 commenti

  • chia bertasa

    Grazie non sapevo esistesse questa linea gotica.
    Se verremo da quelle parti andremo di sicuro.
    Quello che è certo che a forza di passare di qua, dovremo prendere una lunga vacanza:))))

  • la luna di carta

    Sai Chiara, quello che ho scoperto da quando mi concentro sul mio territorio, è che c'è molto da fare e da imparare senza andare troppo lontano. Sono sicura che anche da voi avete tante cose nuove da scoprire. Buona avventura!

  • Elisabetta

    E’ importantissimo che queste testimonianze perdurino nel tempo per far capire a più persone possibile quanto sia sbagliata l’idea che la guerra sia giusta.
    La guerra non è MAI giusta, ma l’uomo sembra non volerlo capire.
    Inculcare ai bambini la pace è una strada e non bisogna smettere mai sperando che siano un giorno uomini migliori.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.