Homeschooling

I genitori posso assistere agli esami di idoneità?

Mio figlio ha sostenuto 5 esami d’idoneità, uno per ogni classe della scuola primaria. I primi tre anni siamo sempre rimasti in classe con il bambino, sia per gli scritti che per gli orali, poi improvvisamente in quarta le maestre ci hanno chiesto di uscire.

Come genitori, è possibile poter assistere agli esami dei propri figli? Come poter avere la garanzia di essere presenti? Vi raccontiamo come abbiamo fatto noi!

Mantenere un dialogo costruttivo con la scuola

Quando si sceglie l’homeschooling è molto importante scegliere una scuola che non sia ostile nei nostri confronti e successivamente cerchiamo di mantenere un rapporto di collaborazione. Cosa vuol dire? Se possibile cercate di organizzare degli incontri con le docenti che esamineranno vostro figlio, per poter chiarire dubbi e modalità con cui verranno somministrate le prove.

Ricordo che il primo anno della scuola primaria, abbiamo ad esempio organizzato un incontro per far conoscere le maestre al bambino, volevamo rassicurare nostro figlio e, renderlo partecipe per evitare ansie da prestazione. Prima degli esami inoltre, in occasione della consegna del programma, ogni anno incontravo le docenti da sola per potermi confrontare sulla modalità delle prove d’esame.

Gestire rapporti pacifici con la scuola non è sempre facile, alle volte le maestre si sono dimostrate sarcastiche e ostili, tuttavia mantenere la calma ed essere gentili è molto importante. La cortesia però non vuol dire cedere sui propri diritti, quindi oltre che gentili è importante essere decisi e fermi.

E’ importante che il genitore sia presente agli esami di idoneità?

Ritengo molto importante che il genitore sia presente agli esami di idoneità, soprattutto se si tratta di bambini piccoli. Ricordo che mio figlio ha sempre chiesto che fossimo presenti entrambi, sia io che il papà.

Per il bambino l’esame d’idoneità è un momento importante: è consapevole che verranno valutate le sue competenze e questo avviene in un contesto a lui sconosciuto.

Chiaramente ogni genitore valuterà se restare in classe oppure no, tenendo conto anche di cosa ne pensa il proprio bambino. Noi siamo sempre rimasti e ricordo che, fin dal primo anno per mio figlio eravamo un importante punto di riferimento: ci guardava, ci sorrideva e cercava continuamente un contatto visivo con noi. Per noi era altrettanto importante essere presenti.

Esiste una normativa che consente ai genitori di rimanere in classe durante gli esami?

Non esiste una normativa specifica agli che permette ai genitori di rimanere in classe durante l’esame d’idoneità, tuttavia è possibile appellarsi alle seguenti decreti.

Il colloquio orale deve essere pubblico, come indicato dall’art. 6 c. 4 del DPR 487/1994: “Le prove orali devono svolgersi in un’aula aperta al pubblico, di capienza idonea ad assicurare la massima partecipazione”.

Quindi è possibile per i genitori assistere al colloquio orale dei propri figli.

Per quanto riguarda le prove scritte è possibile appellarsi all’Ordinanza ministeriale art. 5 90/2001 che cita testualmente ” allo svolgimento di tutte le operazioni degli esami di idoneità e/o licenza, che si tengono davanti alle rispettive commissioni istituite nella scuola statale o nella scuola paritaria, partecipa anche l’insegnante della classe di appartenenza dei candidati, la cui presenza si deve intendere motivata da ragioni psico-pedagogiche, per assicurare la continuità del momento dell’esame con il processo educativo sviluppato nel corso dell’anno scolastico.”

Quest’ultima ordinanza si riferisce per lo più alle scuole private, però potremmo estendere il concetto, parlando di noi non come mamme, ma come insegnanti di nostro figlio. Nell’ordinanza viene inoltre sottolineata che la presenza dell’insegnante-genitore è motivata da ragioni pedagogiche.

Modulistica per richiedere di essere presenti in classe durante gli esami d’idoneità

Tenendo conto delle due normative sopra citate, per poter evitare situazioni spiacevoli il giorno dell’esame, abbiamo inoltrato richiesta formale per essere presenti. Dopo la nostra richiesta scritta, il dirigente ci ha ufficialmente autorizzato a poter rimanere in aula, sia per le prove scritte che per gli orali.

Chiaramente non si è sempre fortunati, e alle volte purtroppo si incontrano dirigenti ostili. In quel caso valutate se cambiare scuola per l’esame d’idoneità o se proseguire sulla vostra linea di pensiero chiedendo un colloquio per chiarire la vostra posizione.

Per riassumere:

  • Cerchiamo di tutelare i nostri figli, senza creare malumori con le istituzioni. E, molto importante se possibile mantenere buoni rapporti con la scuola di riferimento.
  • Facciamo richiesta formale per poter essere presenti in classe quali insegnanti e, figura pedagogica di riferimento del nostro bambino.
  • Ricordiamo che i minori sono particolarmente tutelati, e uno tra i compiti che abbiamo come genitori è tutelare la privacy e la sicurezza di nostro figlio.
  • Se la scuola ci nega la possibilità di restare in classe, chiediamo di farci mettere per iscritto la loro decisione, specificando la normativa in base che li spinge a prendere tale posizione.

Di seguito il prototipo per richiedere di poter restare in classe durante gli esami di vostro figlio. Si ricorda di personalizzarlo in base alla propria situazione scolastica e famigliare. Si declina comunque ogni responsabilità in caso di utilizzo autonomo delle informazioni riportate.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *