arte,  Marche,  musei per bambini,  Viaggi

Alla mostra di Banksy con i bambini

Vi piacciono i grandi murales colorati? La considerate arte o semplicemente degli atti di vandalismo? Difficile rispondere, ma una cosa è certa, la street art affascina sempre più persone e ha il potere di comunicare importanti messaggi sociali.
I bambini in particolare sono affascinati da questa moderna forma di arte, e così abbiamo cercato di conoscere meglio uno tra i più misteriosi esponenti della street art, Banksy!

Chi è Banksy?

Banksy è un grande artista contemporaneo la cui identità attualmente è sconosciuta, e questo mistero lo rende ancor più affascinante.
Attraverso le sue opere, questo famoso writer inglese denuncia scomode verità che contraddistinguono la nostra società. La maggioranza delle opere di Banksy infatti, sono a sfondo satirico e toccano importanti temi sociali inerenti la politica, l’etica e la cultura.

Dove è possibile vedere le sue creazioni? Sui muri delle più grandi metropoli del mondo e ogni suo nuovo murale attira l’attenzione della stampa a livello mondiale.
Lavora in modo veloce e passa inosservato mentre disegna i suoi capolavori realizzati con la tecnica dello stencil, e ancor più geniali sono i suoi blitz inaspettati in vari famosi musei, un modo originale per attirare l’attenzione delle masse sui temi che tratta.
A gennaio del 2018 una delle sue opere più famose è stata messa all’asta e lui ha deciso di farla a pezzi in modo provocatorio attivando un meccanismo di autodistruzione sotto gli occhi di tutti gli esperti d’arte e non presenti.
Inutile dire che è stato un successo planetario!

Bambina col palloncino

Spiegare Banksy ai bambini

Banksy è un artista misterioso che piace ai bambini, forse per i misteri che aleggiano su di lui ma anche perchè i protagonisti di molte sue opere sono proprio i più piccoli.
Sensibile e attento ai bisogni dei bambini, Banksy denuncia le brutture che subiscono in una società che ha perso valori e etica morale, vittime indifese di persone che pensano solo al proprio tornaconto.

Jack & Jill – police kids

Parlare di Banksy oggi è parlare di tematiche importanti che toccano ognuno di noi da vicino. E’ un’occasione per parlare con i nostri figli di argomenti come lo spreco, il consumismo ma anche della guerra e della percezione che abbiamo dei conflitti armati. Cosa dire inoltre della volontà di controllo totale a discapito della nostra libertà?

Oggi l’arte è sui muri delle metropoli ed’è a portata di tutti con la speranza di risvegliare coscienze assopite. Le pareti delle grandi città diventano tele di messaggi importanti, opere che fanno pensare e speriamo, prima o poi possano anche far agire!

Sale ends today

Lo chiamano Banksy a Osimo

Abbiamo sentito molto parlare di Banksy in Italia, dopo che una sua nuova opera è comparsa a Venezia e quando il misterioso writer aveva esposto una sua personale installazione a piazza San Marco con una nave da crociera, raffigurata in una Venezia d’altri tempi.

La curiosità ci ha spinto a visitare la mostra dedicata al grande artista a Osimo, nella Marche.
La mostra Lo chiamano Banksy, racconta attraverso 30 celebri opere dell’artista la sua lotta contro i paradossi del nostro quotidiano.

Abbiamo scelto di visitare la mostra un giorno infrasettimanale ed’è stata la scelta giusta: l’affluenza era ridotta e i bambini si sono sentiti liberi di esplorare le varie sale del museo e soffermarsi sulle opere e i particolari che attiravano la loro attenzione.

Mio figlio undicenne ama Leonardo da Vinci ed’è quindi facile capire che non è molto attratto dalle opere di writers contemporanei, però era molto incuriosito dal messaggio sociale che Banksy denuncia. Ci siamo soffermati su diverse opere e abbiamo parlato della denuncia che trasmettono in modo chiaro e forte.

E’ stata l’occasione per parlare di nuove problematiche sociali, di cui raramente si parla e di sensibilizzare la sua giovane coscienza su problemi sociali, che spesso non ci toccano solo perché nati nella “parte fortunata” del mondo.

L’arte si fonde con il vivere quotidiano, ancora una volta, come in passato ma in modo diverso….il tutto grazie ad un artista sconosciuto “in una società dove tutti amiamo rendere pubblici i dettagli della nostra vita, dimenticando che il vero super potere è l’invisibilità” come disse lo stesso Banksy!

Informazioni pratiche 

La mostra Lo chiamano Banksy è presso il meraviglioso palazzo Campana di Osimo fino al 7 luglio.
E’ un’occasione unica per poter ammirare nella nostra regione le opere del famoso writer e per parlarne con i nostri ragazzi.
Per maggiori infomazioni su orari e prezzi vi rimando al loro sito ufficiale www.lochiamanobanksy.it

8 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *