Homeschooling o Unschooling?

Cos'è l'homeschooling? E l'unschooling? Lascio la definizione a Erika di Martino che ne parla nel suo sito  www.controscuola.it e www.educazioneparentale.org. Mi piace la descrizione che usa, parla di Homescooling e spiega che è come una "nave della conoscenza pilotata dal genitore che indica al bambino la via da seguire" mentre nel caso dell'Unschooling la "nave è pilotata in toto dal bambino, ma egli non è solo: i genitori sono parte attiva di questo apprendimento offrendo fonti di studio e sostenendolo nei suoi percorsi naturali".

educazione parentale a pesaro

Per anni ho pensato che Unschooling fosse un estremismo. Credevo che gli esami fossero utili per porre dei traguardi stimolanti al bambino. Oggi dopo due idoneità che mio figlio ha sostenuto ho cambiato idea: se solo fossi più coraggiosa sceglierei l'Unschooling per donare maggiore libertà a mio figlio e ancora più entusiasmo nell'imparare. Ritengo sia quello il vero segreto dell'apprendimento puro e profondo.

Ma noi abbiamo scelto per vari motivi di continuare a sostenere gli esami di idoneità, tuttavia abbiamo un ottimo rapporto con le istituzioni scolastiche che seguono nostro figlio, abbiamo incontrato delle maestre molto collaborative e questo ci permette di avere libertà e voce in capitolo sul programma da seguire.

Quindi se da un lato Grande può approfondire molti argomenti di suo interesse ed è quindi libero di chiedere e studiare alcuni argomenti, dall'altra abbiamo ogni anno degli obbiettivi da raggiungere che gli garantiscono di essere in linea con i traguardi didattici richiesti per la sua età, e quindi di avere l'idoneità per la sua classe di riferimento.

Quindi per il momento siamo tra gli homescooler!


Commenti

  1. Anche io per questo primo anno ho scelto di far fare gli esami a Leo, con un pochino di morte nel cuore ,ma anche la consapevolezza di poter cambiare le cose se sostenere l' esame dovesse divenire troppo impegnativo.
    Vedremo e man mano decideremo .
    Buona giornata a voi, noi oggi riposiamo.

    RispondiElimina
  2. Io ho fatto un grande errore: da brava mamma scolarizzata ho caricato molta tensione su mio figlio. In verità lui vive l'esame come un momento in cui poter parlare del suo percorso di studi, fa vedere i suoi lavori e parla di quanto imparato....ecco così dovrebbe essere!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per il tuo commento